Isole Borromee Isole Borromee

Un archivio tra le acque

Rappresentazioni di barche e battelli

Sfogliando i fondi dell’Archivio Borromeo capita spesso di imbattersi in mappe, disegni, acquerelli, pergamene e atti relativi al tema delle imbarcazioni e degli spostamenti attraverso le vie d’acqua.
Il disegno n. 1 (in alto) rappresenta ad esempio una imbarcazione battente bandiera britannica, ed appartiene ad un gruppo di riproduzioni di barche e peote conservate tra le carte dell’archivio. Ignoto il disegnatore, su una riproduzione troviamo la scritta “Disegnata dal Fava”.

Fanno parte della stessa collezione altri magnifici disegni di barche realizzati ad acquerello (fig. 2).

 

Rappresentazione imbarcazione

Figura 2

 
Nell’archivio sono presenti presenti altre rappresentazioni anche più antiche di imbarcazioni. Per le nozze di Carlo IV Borromeo Arese, nipote di Vitaliano VI, con Giovanna Odescalchi, nipote di papa Innocenzo XI, celebrate nel 1677 venne organizzata una grande festa che durò più giorni e che prevedeva l’attraversamento del lago in barca, archi trionfali, spari dalla rocca. L’ingegnere Andrea Biffi, con i suggerimenti di Vitaliano, del gesuita Giovanni Battista Barella e di Carlo Maria Maggi, predispose i disegni per alcune imbarcazioni, che furono concepite come vere e proprie macchine teatrali sull’acqua, arricchite da statue e decorazioni effimere di carattere simbolico (fig. 3).
 

Acquarello imbarcazione

Figura 3

 
Da sempre le imbarcazioni sono state l’unico veicolo per raggiungere le isole e trasportare oggetti e persone. L’archivio è testimone anche dell’evoluzione di questo mezzo di trasporto nel corso dei secoli, come testimonia il disegno del 1836 “della prima macchina a vapore che ha solcato le acque del regno Lombardo Veneto. Uscita dalla rinomata officina di Soho presso Birmingham diretta dall’illustre Watt della forza di 14 a 16 cavalli delineata dall’attuale macchinista direttore della medesima Pietro Miani di Venezia” (fig. 4).

 

Disegno della prima macchina a vapore

Figura 4 – 1836

 
Tra le numerose visite illustri che caratterizzarono il Lago Maggiore a partire dal 1700 il volantino del 1828 ci ricorda le corse del battello Verbano per la venuta alle Isole Borromee del principe Carlo Felice di Savoia e della consorte Maria Cristina di Borbone (fig. 5).
 

Volantino 1828

Figura 5


 

 

I nostri partner
Instagram Feed
💙
Oggi è la giornata internazionale dell'educazione: Terre Borromeo propone un programma di visite didattiche nei suoi siti culturali e naturalistici a scuole di ogni ordine e grado.
.
Approfondisci al link in bio.
Educhiamoci alla bellezza ✨
.
.
.
💙
Today is International Education Day: Terre Borromeo offers a program of educational visits to its cultural and naturalistic sites for schools of all levels.
.
Learn more at the link in bio.
Let's educate ourselves to beauty ✨

#terreborromeo #lakemaggiore #lagomaggiore #BorromeoExperience #isolabella #isolamadre #roccadiangera #education #internationaleducationday #educazione
‌
Summer throwback! Riesci a individuare dove ci troviamo in questa foto? 🌷
Rispondi nei commenti!
.
.
.
Summer throwback! Can you spot where we are in this photo? 🌷
Answer in the comments!

#terreborromeo #lakemaggiore #lagomaggiore #BorromeoExperience #isolamadre