Blog

Anteprima mostra “Vitaliano VI. L’invenzione dell’Isola Bella”: uno sguardo alla terza sezione

Palazzo Borromeo: il gusto barocco degli interni nella mostra dedicata a Vitaliano VI.

Continuiamo a svelare alcuni dettagli della mostra “Vitaliano VI. L’invenzione dell’Isola Bella”, giungendo alla terza sezione del percorso espositivo. Qui si scopre tutta la bellezza e magnificenza degli interni di Palazzo Borromeo.

L’allestimento barocco voluto dal conte Vitaliano VI Borromeo è originale e unico, tra arredi, sculture, dipinti, stucchi, intagli lignei colorati e dorati, e opere di ebanisteria. Il progetto è stato curato dagli architetti Andrea Biffi e Filippo Cagnola tra i quali la continuità stilistica è evidente, come si evince dai disegni in mostra. Le sale sono impreziosite da centinaia di opere con cornici dipinte a oro e turchino, busti in marmo, vasi in alabastro e contraddistinte dalla presenza di stipi in legno dipinto a finto ebano, arricchiti da lastre di ardesia decorate a fiori, che punteggiano anche le pareti.

Vitaliano VI e i suoi progettisti giocavano continuamente sul contrasto e la similitudine fra l’interno del palazzo e l’esterno di giardini a terrazze e degli scorci sul lago: le meraviglie naturali e quelle artificiali erano costantemente messe a confronto.

Nel progetto del palazzo, il conte aveva previsto una galleria centrale (dove ospitare quadri che gli erano particolarmente cari) con alcova annessa, una soluzione non insolita per un palazzo in età barocca. Lo testimoniano disegni, prospetti, schede di cantiere e fotografie con ipotesi di soluzioni costruttive e decorative.

È interessante il confronto con l’attuale assetto del palazzo che permette di osservare come alcune delle sale (delle Medaglie, del Trono e delle due Alcove) abbiano mantenuto ancora oggi il loro aspetto originario.

Tra i dipinti in mostra, spiccano le opere di specialisti dei nuovi generi pittorici: nature morte floreali, paesaggi, prospettive architettoniche. Fra tutte, ci soffermiamo sull’autoritratto del pittore Pieter Mulier (1637-1701), soprannominato il Cavalier Tempesta, e della moglie Anna Eleonora Beltrami. Una storia particolare di mecenatismo in cui Mulier viene accolto da Vitaliano, dopo lunghi anni di prigionia a Genova, godendo della sua protezione. In segno di riconoscenza, il Tempesta donò un cospicuo numero di opere, declinando le sue diverse specialità nel campo del paesaggio e della marina in tempesta (da cui il soprannome) e diventando così il paesaggista più importante documentato all’Isola fin dagli anni di Vitaliano VI.

Main sponsor Aon

 

Articoli consigliati