Isole Borromee Isole Borromee

30 Giugno 2021

Nuovo progetto di educazione ambientale | Trote marmorate al Parco Pallavicino

Nuovo progetto di educazione ambientale
con trote marmorate al Parco Pallavicino

 

Il progetto del parco di Terre Borromeo, situato a Stresa, è realizzato in collaborazione con il CNR-IRSA di Verbania per la conservazione dell’ittiofauna autoctona.

 

Stresa, 30 giugno 2021Parco Pallavicino, a Stresa, ospita da qualche settimana nel piccolo corso d’acqua che lo attraversa alcuni esemplari di trote marmorate, nell’ambito di un progetto educativo sviluppato in collaborazione con il CNR-IRSA di Verbania. L’obiettivo è realizzare un percorso di educazione ambientale dedicato alla ittiofauna autoctona.

In quest’ottica, vogliamo contribuire al ripopolamento del piccolo corso d’acqua che scorre all’interno di Parco Pallavicino, potenzialmente vocato ai salmonidi, essendo quest’ultimo collegato direttamente al Lago Maggiore”, afferma il biologo Tommaso Calligarich responsabile del progetto per Parco Pallavicino.

I soggetti di trota marmorata, circa venticinque, di lunghezza compresa tra i 12 e i 15 centimetri sono nati nella struttura ittiogenica del CNR-IRSA con certificazione genetica degli esemplari nel rispetto delle recentissime normative sull’introduzione delle specie ittiche in natura.

Parco Pallavicino è gestito dal 2017 dalla famiglia Borromeo che ne cura le attività insieme alle altre destinazioni Terre Borromeo: Isola Bella, Isola Madre, Parco del Mottarone e, sul versante lombardo del Lago Maggiore, Rocca di Angera. L’attuale gestione del parco ha ridato impulso a molteplici attività di tutela della fauna locale e delle specie autoctone. Durante questi anni, Parco Pallavicino ha sostenuto in vari modi il recupero della fauna selvatica della provincia del VCO collaborando con le principali istituzioni territoriali e ha sviluppato, con il Centro Emys Piemonte, un progetto di conservazione della testuggine palustre europea (Emys orbicularis).

Il principe Vitaliano Borromeo conclude: “Questa iniziativa si inserisce in un progetto di più ampio respiro che mira a creare all’interno di Parco Pallavicino un’oasi naturalistica con finalità didattiche e non solo un’attrazione per il tempo libero”.

Comunicato scaricabile e foto (credits Terre Borromeo) sono disponibili qui

Terre Borromeo è il brand che identifica i siti culturali e naturali che anticamente erano legati alla famiglia Borromeo. Oggi il circuito turistico comprende: Isola Bella e Isola Madre nell’arcipelago delle Isole Borromee; Parco Pallavicino a Stresa; Parco del Mottarone con i suoi 500 ettari di area boschiva lungo le pendici dell’omonima montagna; Rocca di Angera, sul versante lombardo in provincia di Varese, e Castelli di Cannero, situati nell’alto Verbano e oggi in fase di restauro con una previsione di apertura al pubblico entro i prossimi tre anni.

Contatti:
Giorgia Meretti – g.meretti@isoleborromee.it +39 3386727571
Valentina Colombo – press@isoleborromee.it +39 3402828705

I nostri partner
Instagram Feed
🖼 #Berthier130
Nella piccola Adorazione dei Magi che fu di Giulia Arese, moglie di Renato II Borromeo, la cura che Giulio Cesare Procaccini mette nella regia e nella resa delle figure, concepite come microsculture preziose, ci ricorda che l’artista attorno al 1605, sebbene trentenne, è da poco approdato all’arte della pittura.
.
Nato a Bologna, figlio di Ercole Procaccini il Vecchio e fratello di Camillo e Carlo Antonio, tutti rinomati pittori, Giulio Cesare fu l’unico della famiglia a iniziare la carriera artistica come scultore.
.
Questa tavola della Galleria Berthier è uno dei migliori esempi delle sue sperimentazioni giovanili, dove la pittura veloce, impetuosa e improvvisa rilegge i maestri di area emiliana, primo fra tutti il Parmigianino.
.
Giulio Cesare Procaccini
Adorazione dei Magi
1605 circa
Galleria Berthier, Palazzo Borromeo
Isola Bella
.
.
.
🖼 #Berthier130
In the little Adoration of the Magi by Giulia Arese, wife of Renato II Borromeo, the care that Giulio Cesare Procaccini puts into directing and rendering figures, conceived as precious microsculptures, reminds us that the artist, in around 1605, although thirty years old, had recently arrived in the art of painting.
.
Born in Bologna, son of Ercole Procaccini the Elder and brother of Camillo and Carlo Antonio, all renowned painters, Giulio Cesare was the only one in the family to begin his artistic career as a sculptor.
.
This panel from Galleria Berthier is one of the best examples of his early experiments, where fast, impetuous and sudden painting reinterprets the masters of the Emilian area, starting with Parmigianino.
.
Giulio Cesare Procaccini
Adoration of the Magi
Around 1605
Galleria Berthier, Palazzo Borromeo
Isola Bella

#terreborromeo #lakemaggiore #lagomaggiore #isolabella #palazzoborromeo #artlovers #berthier130 #galleriaberthier #paintings
Dalla magica cornice del Lago Maggiore alla fiabesca atmosfera di uno storico castello, le Isole Borromee e la Rocca di Angera tra le “Meraviglie” di @albertoangelarai1
✨
Un viaggio alla scoperta di tradizioni secolari, bellezze artistiche e paesaggi mozzafiato che rendono unico il nostro bel Paese.
🌍
Appuntamento martedì 4 gennaio 2022 alle 21:25 su @rai1official per tornare a viaggiare tra le #Meraviglie d'Italia.
.
.
.
From the magical setting of Lake Maggiore to the fairytale atmosphere of the historic castle, Isole Borromee and Rocca di Angera among Alberto Angela's “Wonders”.
✨
A journey to discover centuries-old traditions, artistic beauties and breathtaking landscapes.
🌍
Save the date! January 4th at 9.25pm on RaiUno to return to travel among the #Meraviglie of Italy.

#terreborromeo #lakemaggiore #lagomaggiore #isolabella #isolamadre #roccadiangera #MeraviglieLaPenisolaDeiTesori #AlbertoAngela #Italy #Travel
Pronunciate il nome Viburnum. Quale sensazione vi lascia?
🌿
Se vi sembra risuonare fortemente tra le labbra, come qualcosa dal carattere molto forte, è perché avete intuito la caratteristica dei suoi rami: la tenacia.
🏹
Gli antichi arcieri avevano scelto proprio il legno di Viburnum lantana per realizzare frecce leggere e dalla dirittura molto precisa. I rami del Viburnum opulus, invece, venivano usati come scudisci per cavalli.
❄️
Noi abbiamo scelto il Viburno per dare un tocco di magia ai viali dell’Isola Bella in inverno. Quando sbocciano sembrano batuffoli di neve profumatissima.
.
.
.
Say the name Viburnum. What feeling does it evoke?
🌿
If it seems to resonate powerfully between your lips, like something with a very strong character, it is because you have embodied the essential characteristic of its branches: tenacity.
🏹
Ancient archers chose the wood of Viburnum lantana to make light arrows with a very precise straightness. The branches of the Viburnum opulus, on the other hand, were used as shields for horses.
❄️
We have chosen the Viburnum to give a touch of magic to the paths of Isola Bella during the winter. When they bloom, they are like balls of fragrant snow.

#terreborromeo #lakemaggiore #lagomaggiore #isolabella #viburno #viburnum