Isole Borromee Isole Borromee

21 Luglio 2020

Le proposte food di Terre Borromeo

Le proposte food di Terre Borromeo

I siti di Terre Borromeo sono anche una sorprendente scoperta all’insegna della buona cucina.
Se “l’occhio vuole la sua parte”, l’esigenza è perfettamente soddisfatta dalle magnifiche fioriture, dai colori brillanti che il Lago Maggiore restituisce in una giornata di sole e dal fascino dell’arte che impreziosisce i palazzi e le architetture.
Ma non lo è meno il palato, ripagato dalle tante esperienze di gusto da assaporare nelle diverse location.

A cominciare dal ristorante “Il Fornello, Bottega con Cucina” sulla terrazza che affaccia sul Golfo Borromeo, nel cuore del borgo antico dell’Isola Bella. Una piacevole sosta per assaporare le ricette preparate dallo chef Francesco Luoni con materie prime d’eccellenza, selezionate con cura e rielaborate con creatività. Un luogo ideale anche per fermarsi e concedersi, in piedi o seduti, una breve pausa sfiziosa prima di proseguire il tour sull’isola. Difficile resistere agli acquisti in bottega, per regalare souvenir gustosi, tipici della tradizione gastronomica italiana.

 

il fornello isola bella
La terrazza del bistrot Il Fornello
spaghetti alici il fornello isola bella
Spaghetti con colatura di alici e bottarga

Approdando sull’Isola Madre, ritroviamo la stessa magia dello scenario vista lago nel ristorante “La Piratera” che da quest’anno ha una nuova gestione, a cura di Terre Borromeo. In menu, ingredienti del territorio e nuovi piatti a base di pesce di lago ma anche di carni piemontesi per offrire una ampia possibilità di degustazione per ogni esigenza. Tra le specialità locali, il fritto di lavarello con zucchine e asparagi croccanti al timo, cipolle rosse al forno e bagnetto verde, il tortino di verdure di stagione con verdure fresche e formaggi del Mottarone come antipasti; le tagliatelle all’uovo saltate con lucioperca, basilico e limone fra i primi. Tra i secondi di carne, la tagliata di manzo piemontese e pesto di pomodori e scalogni; per chi predilige il pesce, la carta suggerisce i filetti di persico al burro e salvia e riso in cagnone. Ci sono anche piatti unici e una carta dei vini che comprende etichette d’eccellenza dai sentori inimitabili e una selezione di birre artigianali.

 

ristorante la piratera isola madre
Il ristorante La Piratera, sull'Isola Madre
ristorante la piratera pesce persico
Filetti di pesce persico al burro e salvia e riso in cagnone, uno dei piatti tipici di lago

Per gli amanti della montagna, i buoni sapori sono di casa anche al Parco del Mottarone, a 15 minuti dall’uscita A26 Brovello-Carpugnino (Stresa). Il ristorante Rifugio Genziana, situato in vetta con vista sul Massiccio del Monte Rosa, propone ricette squisite per il pranzo, grazie a una carta che permette di degustare le più autentiche pietanze di montagna in chiave gourmet. Dai taglieri alle varie versioni di polenta, dai primi e secondi di carne fino a contorni e golosità per concludere con irresistibili dolci, il nuovo menu celebra i profumi e gli ingredienti tipici di questo angolo di Piemonte e della Val d’Ossola.

rifugio genziana mottarone terrazza
Il panorama suggestivo che si può ammirare dalla terrazza del Rifugio Genziana
genziana mottarone piatto
Uno dei piatti in menu

Se si desidera semplicemente uno spuntino o una merenda, l’ampia scelta di Terre Borromeo spazia tra caffetterie e bar che consentono una sosta veloce ma gustosa e di qualità: la caffetteria dell’Isola Bella regala un panorama appagante accanto al Giardino d’Amore, così come quella completamente rinnovata dell’Isola Madre offre un angolo di pace all’ombra dei banani. Il Bar Stazione, a valle del Parco del Mottarone e accanto al Mottarone Adventure Park, offre taglieri, insalate o piatti leggeri ma nutrienti e nei weekend una saporita grigliata di carne e varianti adatte anche ai vegetariani. Non dimentichiamo, infine, le caffetterie di Parco Pallavicino a Stresa, per un confortevole break circondati dai pavoni, e quella della Rocca di Angera, sul versante lombardo del Lago Maggiore, dove il belvedere ai piedi del castello toglie letteralmente il fiato.

BAR STAZIONE MOTTARONE
L'aperitivo al Bar Stazione
caffetteria rocca di angera
La pace della caffetteria della Rocca di Angera, vicino al giardino medievale
I nostri partner
Instagram Feed
#Berthier130
🖼
Tra le figure femminili della Galleria Berthier incuriosisce la nobildonna ritratta dal celebre pittore Giovanni Antonio Boltraffio.
.
L’opera risente dell’influenza di Leonardo che in quegli anni lavorava alla corte degli Sforza, ma con una nota personale, più emotiva e coinvolgente.
Del grande maestro il pittore emula il gioiello che ferma il velo della dama, come nella raffigurazione delle “Belle Ferronnière” del Louvre.
.
Con grande maestria Boltraffio riesce a dipingere l’eleganza esteriore e interiore di una dama della corte milanese. Scoprite i dettagli nelle stories.
.
Giovanni Antonio Boltraffio
Ritratto femminile
1500 circa
Galleria Berthier, Palazzo Borromeo
Isola Bella
.
.
.
#Berthier130
🖼
Among the female figures of the Berthier Gallery, the noblewoman, portrayed by the famous painter Giovanni Antonio Boltraffio, is one of the most intriguing.
.
The work is inspired by the influence of Leonardo who, during that time, worked at the Sforza court; but the piece also invokes a personal, more emotional and engaging sentiment.
Learning from the master, the painter was able to reproduce the jewel that holds the lady’s veil, just as it is depicted in the "Belle Ferronnière" in the Louvre.
.
With great skill, Boltraffio managed to paint the exterior and interior elegance of a lady of the Milanese court. Find out more in our stories.
.
Giovanni Antonio Boltraffio
Female portrait
About 1500
Berthier Gallery, Palazzo Borromeo
Isola Bella

#terreborromeo #lakemaggiore #lagomaggiore #borromeoexperience #palazzoborromeo #isolabella #artlovers #galleriaberthier #artgallery #baroque #baroccoitaliano #painting #viaggioinitalia
🛡
Gli stemmi nobiliari hanno una funzione precisa: identificare una persona o una casata in modo univoco.
⚔️
Vennero adottati a partire dal Medioevo ed ebbero all’inizio una funzione pratica: servivano a distinguere i diversi guerrieri impegnati nei tornei e nelle battaglie.
Anche la famiglia Borromeo ne ha collezionati molti. Nel corso dei secoli ha arricchito lo stemma originario in seguito ad alleanze, matrimoni, variazioni di status e conquiste territoriali.
✨
Tra gli elementi distintivi del suo stemma, i tre anelli a punta di diamante rappresentano l’unione delle casate Sforza, Visconti e Borromeo e il dono ricevuto da Filippo Maria Visconti e Francesco Sforza come premio per aver custodito i loro territori.
🔎
Riuscite a individuarli nelle stories?
.
.
.
🛡
Noble coats of arms have a precise function: to uniquely identify a person or house.
⚔️
They were adopted from the Middle Ages and initially had a practical function: they were used to distinguish the different warriors engaged in tournaments and battles.
The Borromeo family have collected many over the centuries. The original coat of arms has been enriched as a result of alliances, marriages, changes in status and territorial conquests.
✨
Among the distinctive elements of its coat of arms, the three diamond-tipped rings represent the union of the Sforza, Visconti and Borromeo families and the gift received by Filippo Maria Visconti and Francesco Sforza as a reward for guarding their territories.
🔎
Can you spot them in our stories?

#terreborromeo #lakemaggiore #lagomaggiore #borromeoexperience #stemmi #coatsofarms
#Berthier130
🖼️
Tra tutti gli sguardi della Galleria Berthier, quello inquieto e fiero di un gentiluomo pare fissarci dritto negli occhi.
.
Sembra quasi di conoscerlo, merito della posa informale e dell'espressività del ritratto. Daniele Crespi, pittore del Seicento lombardo molto amato dalla famiglia Borromeo, è famoso per la sua capacità di coinvolgere lo spettatore creando un'empatia immediata tra il soggetto dipinto e chi lo osserva.
.
Come ci riesce? Scopritelo nelle stories.
.
Daniele Crespi
Ritratto di gentiluomo con barba
1625-1630
Galleria Berthier, Palazzo Borromeo
Isola Bella
.
.
.
#Berthier130
🖼️
Among the many gazes in the Galleria Berthier, the restless and proud one of a gentleman seems to stare us straight in the eyes.
.
It feels like we almost seem to know him, thanks to his informal pose and the expressiveness of the portrait. Daniele Crespi, a seventeenth-century painter from Lombardy, much loved by the Borromeo family, is famous for his ability to engage the viewer by creating an immediate empathy between the painted subject and the observer.
.
How does he do it? Find out in our stories.
.
Daniele Crespi
Portrait of a Gentleman with a Beard
1625-1630
Berthier Gallery, Palazzo Borromeo
Isola Bella

#terreborromeo #lakemaggiore #lagomaggiore #borromeoexperience #palazzoborromeo #isolabella #artlovers #galleriaberthier #artgallery #baroque #baroccoitaliano #painting #viaggioinitalia
✨
Nella giornata della donna, vi presentiamo Clelia del Grillo Borromeo Arese (1684-1777), uno straordinario esempio di emancipazione per le donne della sua epoca.
.
Coltissima, esuberante ed eccentrica, si appassionò allo studio delle lingue, alla filosofia, alla storia e alla politica, ma nutrì grande interesse anche per la mineralogia e la matematica.
.
Famosi e controversi i suoi salotti di “conversazione”: ogni sera apriva le porte della sua casa per ospitare i più importanti uomini di scienza e cultura italiani e stranieri, tra cui anche Montesquieu.
.
Clelia ricevette un grande omaggio dal matematico Guido Grandi, che nei suoi studi sui fiori geometrici nominò alcune curve "clelie", in onore della Contessa.
.
Che il coraggio di Clelia di essere libera e diversa sia il migliore augurio per tutte le donne, oggi e ogni giorno dell’anno.
💛
.
.
.
✨
On Women's Day, we present Clelia del Grillo Borromeo Arese (1684-1777), an extraordinary example of the emancipation of women of her time.
.
Cultured, exuberant and eccentric; she became interested in the study of languages, philosophy, history and politics, but also had great interest in mineralogy and mathematics.
.
Her living rooms of “conversation” were famous and controversial: every evening she opened the doors of her house to host the most important Italian and foreign men of science and culture, including Montesquieu.
.
Clelia received a great tribute from the mathematician Guido Grandi, who in his studies of geometric flowers named some curves "clelias", in honor of the Countess.
.
May Clelia's courage to be free and different be the best wish for all women, today and every day of the year.
💛

#terreborromeo #lagomaggiore #lakemaggiore #borromeoexperience #artolvers #festadelladonna #8marzo #womensday #IWD2021