Isole Borromee Isole Borromee
STORIA

LA ROCCA DI ARONA

Le rocche di Arona e di Angera (situata l’una sulla sponda occidentale, l’altra su quella orientale del Lago Maggiore) costituivano probabilmente già in epoca longobarda gli elementi di un unico sistema difensivo che consentiva di controllare il bacino meridionale del lago, per il quale transitava buona parte del traffico da Oltralpe verso Milano e Pavia.

LA ROCCA DI ARONA

Il periodo borromaico della storia di Arona e della sua rocca inizia nel 1439,
con l’infeudazione da parte di Filippo Maria Visconti a Vitaliano I Borromeo.

 

LA ROCCA DI ARONA
Da sinistra: Filippo Maria Visconti e Vitaliano I Borromeo

Appena investito, Vitaliano iniziò i lavori di restauro e di potenziamento della rocca e la costruzione del porto militare, unito alla rocca dalla “strada segreta”.

Alla morte di Vitaliano, i lavori proseguirono con il figlio
Filippo I, che innalzò altre torri e un’ulteriore cerchia di mura attorno alla rocca.

Oggetto di dispute e sottratta temporaneamente ai Borromeo nel 1495-1499 e nel 1500, la rocca  fu restituita a Federico I nel 1512. Nel corso della sua storia subì celebri assedi, diventando teatro di vicende belliche.

La rocca di Arona diede i natali il 2 ottobre 1538 a San Carlo Borromeo che venne alla luce nella “Camera dei tre laghi”, così chiamata per la presenza di tre finestre dalle quali era possibile avere tre diverse viste sul lago.

LA ROCCA DI ARONA

Già nel Seicento la camera divenne meta di un gran numero di pellegrini, così fu ricostruita nella zona absidale della chiesa di San Carlo, eretta sulla eminenza rocciosa al di sopra del borgo nell’area del Sacro Monte dedicato al Santo.

La Rocca sfruttava appieno le caratteristiche fisiche dello sperone su cui sorgeva e il sistema di mura costituito da tre cinte l’avvolgeva completamente, fatto salvo solo il lato a picco sul lago.

Il complesso presentava un’altimetria irregolare, alla quale ovviava un sistema di scale; dislivelli separavano anche le piazze d’armi e i cortili. Il recinto più alto (cinque metri) costituiva probabilmente con la Torre di Santa Maria il nucleo più antico della rocca.

LA ROCCA DI ARONA

Al centro di estendeva la Piazza d’Armi fiancheggiata dai Quartieri dei soldati, dal Salone delle Armi e dalla chiesetta di Sant’Ambrogio; alle spalle del Quartiere dei soldati si trovava la Stanza dei Molini, la Camera di San Carlo e, dietro questa, un edificio che aveva funzione residenziale, collegato ad altre costruzioni attraverso passaggi e strade segrete scavate nel sottosuolo.

La strada, ancora oggi percorribile, colmava un dislivello di 60 metri. Il terzo recinto, con quattro torri, era collegato, da una strada ripida che lo costeggiava dall’interno, alla Porta del Secondo Recinto, sede del Corpo di Guardia Principale, dove oggi sono visibili i resti della vecchia masseria.

L’enorme complesso rimase intatto fino al 1800, allorché Napoleone Bonaparte, vinti gli Austriaci a Marengo (14 giugno), ne ordinò  lo smantellamento.

LA ROCCA DI ARONA

I lavori iniziarono il 23 giugno ad opera di una compagnia di minatori francesi coadiuvata da circa quattrocento cittadini, ma procedettero lentamente a causa della robustezza della costruzione e dei dissidi sorti tra la municipalità Arona e il governo francese sul finanziamento. Soltanto il 22 marzo 1801, dopo quasi nove mesi di lavoro, l’opera di demolizione poteva dirsi conclusa.

LA ROCCA DI ARONA

Oggi la Rocca di Arona è oggetto di un importante restauro conservativo. Preceduto dalle analisi preliminari sullo stato di conservazione, il restauro è principalmente rivolto a fermare le cause di degrado, risanare le patologie e ristabilire condizioni di salvaguardia del monumento, mirando ad una rigorosa tutela e conservazione dell’integrità materiale degli edifici.

LA ROCCA DI ARONA
I nostri partner
Instagram Feed
“Nulla è più figlio dell'arte di un giardino.”
Sir Walter Scott
🌹
Siete pronti a scoprire se è vero? I Giardini Botanici dell’Isola Madre, dalla forte impronta esotica, ospitano piante e fiori che provengono da luoghi lontani fin dai primi dell’Ottocento.
🌺
Scoprite un mondo nel magico giardino all’inglese dell'Isola Madre!
.
.
.
"Nothing is more a child of art than a garden."
Sir Walter Scott
🌹
Are you ready to find out if it's true? The botanical gardens of Isola Madre, with their strong exotic imprint, host plants and flowers that have come from distant lands since the early nineteenth century.
🌺
Discover a world within the magical English garden of Isola Madre!

#terreborromeo #lakemaggiore #lagomaggiore #BorromeoExperience #isolamadre #botanicalgardens #giardinibotanici
Raggiungere Terre Borromeo è una passeggiata, o meglio, una gita in barca!
🚤
Le Isole Borromee, con le collezioni botaniche rare, i palazzi barocchi, i viali in fiore sono una delle mete più visitate del Lago Maggiore.
🦚
Scegliete il vostro molo di partenza e godetevi il viaggio alla scoperta di un autentico tesoro.
.
.
.
Reaching Terre Borromeo is a walk, or rather, a boat trip!
🚤
The Borromean Islands, with their rare botanical collections, baroque palaces and avenues in bloom are some of the most visited destinations on Lake Maggiore.
🦚
Choose your departure pier and enjoy the journey to discover authentic treasures.

#terreborromeo #lakemaggiore #lagomaggiore #BorromeoExperience #isolamadre #isolabella #roccadiangera
La storia degli agrumi ha un’origine antichissima. Volete scoprirla?
🍋
Gli agrumi coltivati per primi sono stati il Citrus - cedro - e il pummelo! Le prime citazioni nella letteratura cinese e indiana risalgono al 2400 a.C. 
🍊
Sull’Isola Bella hanno trovato un ambiente idoneo per crescere rigogliosi!
.
.
.
The history of citrus fruits has a very ancient origin. Do you want to discover it?
🍋
The first citrus fruits cultivated were Citrus - cedar - and pummelo! The first mentions in Chinese and Indian literature date back to 2400 BC.
🍊
On Isola Bella they have found a suitable environment to thrive!

#terreborromeo #lakemaggiore #lagomaggiore #BorromeoExperience #isolamadre #isolabella #agrumi #citrusfruits