Isole Borromee Isole Borromee
STORIA

LA ROCCA DI ARONA

Le rocche di Arona e di Angera (situata l’una sulla sponda occidentale, l’altra su quella orientale del Lago Maggiore) costituivano probabilmente già in epoca longobarda gli elementi di un unico sistema difensivo che consentiva di controllare il bacino meridionale del lago, per il quale transitava buona parte del traffico da Oltralpe verso Milano e Pavia.

LA ROCCA DI ARONA

Il periodo borromaico della storia di Arona e della sua rocca inizia nel 1439,
con l’infeudazione da parte di Filippo Maria Visconti a Vitaliano I Borromeo.

 

LA ROCCA DI ARONA
Da sinistra: Filippo Maria Visconti e Vitaliano I Borromeo

Appena investito, Vitaliano iniziò i lavori di restauro e di potenziamento della rocca e la costruzione del porto militare, unito alla rocca dalla “strada segreta”.

Alla morte di Vitaliano, i lavori proseguirono con il figlio
Filippo I, che innalzò altre torri e un’ulteriore cerchia di mura attorno alla rocca.

Oggetto di dispute e sottratta temporaneamente ai Borromeo nel 1495-1499 e nel 1500, la rocca  fu restituita a Federico I nel 1512. Nel corso della sua storia subì celebri assedi, diventando teatro di vicende belliche.

La rocca di Arona diede i natali il 2 ottobre 1538 a San Carlo Borromeo che venne alla luce nella “Camera dei tre laghi”, così chiamata per la presenza di tre finestre dalle quali era possibile avere tre diverse viste sul lago.

LA ROCCA DI ARONA

Già nel Seicento la camera divenne meta di un gran numero di pellegrini, così fu ricostruita nella zona absidale della chiesa di San Carlo, eretta sulla eminenza rocciosa al di sopra del borgo nell’area del Sacro Monte dedicato al Santo.

La Rocca sfruttava appieno le caratteristiche fisiche dello sperone su cui sorgeva e il sistema di mura costituito da tre cinte l’avvolgeva completamente, fatto salvo solo il lato a picco sul lago.

Il complesso presentava un’altimetria irregolare, alla quale ovviava un sistema di scale; dislivelli separavano anche le piazze d’armi e i cortili. Il recinto più alto (cinque metri) costituiva probabilmente con la Torre di Santa Maria il nucleo più antico della rocca.

LA ROCCA DI ARONA

Al centro di estendeva la Piazza d’Armi fiancheggiata dai Quartieri dei soldati, dal Salone delle Armi e dalla chiesetta di Sant’Ambrogio; alle spalle del Quartiere dei soldati si trovava la Stanza dei Molini, la Camera di San Carlo e, dietro questa, un edificio che aveva funzione residenziale, collegato ad altre costruzioni attraverso passaggi e strade segrete scavate nel sottosuolo.

La strada, ancora oggi percorribile, colmava un dislivello di 60 metri. Il terzo recinto, con quattro torri, era collegato, da una strada ripida che lo costeggiava dall’interno, alla Porta del Secondo Recinto, sede del Corpo di Guardia Principale, dove oggi sono visibili i resti della vecchia masseria.

L’enorme complesso rimase intatto fino al 1800, allorché Napoleone Bonaparte, vinti gli Austriaci a Marengo (14 giugno), ne ordinò  lo smantellamento.

LA ROCCA DI ARONA

I lavori iniziarono il 23 giugno ad opera di una compagnia di minatori francesi coadiuvata da circa quattrocento cittadini, ma procedettero lentamente a causa della robustezza della costruzione e dei dissidi sorti tra la municipalità Arona e il governo francese sul finanziamento. Soltanto il 22 marzo 1801, dopo quasi nove mesi di lavoro, l’opera di demolizione poteva dirsi conclusa.

LA ROCCA DI ARONA

Oggi la Rocca di Arona è oggetto di un importante restauro conservativo. Preceduto dalle analisi preliminari sullo stato di conservazione, il restauro è principalmente rivolto a fermare le cause di degrado, risanare le patologie e ristabilire condizioni di salvaguardia del monumento, mirando ad una rigorosa tutela e conservazione dell’integrità materiale degli edifici.

LA ROCCA DI ARONA
I nostri partner
Instagram Feed
🖼 #Berthier130
Vi auguriamo una buona festa dell’Immacolata con questo quadro di Antonio Cavallucci, appartenuto al cardinale Vitaliano Borromeo.
🌙🐍
La Vergine in piedi su una mezza luna, simbolo della sua purezza, ascende al cielo in una cornice di angeli e putti in volo mentre con il piede schiaccia il demonio in forma di serpente.
.
Antonio Cavallucci
Immacolata concezione
1790 circa
Galleria Berthier, Palazzo Borromeo
Isola Bella
.
.
.
🖼 #Berthier130
We wish you a happy Feast of the Immaculate Conception with this painting by Antonio Cavallucci, which belonged to Cardinal Vitaliano Borromeo.
🌙🐍
The Virgin standing on a half moon, a symbol of her purity, ascends to heaven in a cloud of flying angels and cherubs as she crushes a demon in the form of a snake beneath her feet.
.
Antonio Cavallucci
Immaculate Conception
Circa 1790
Berthier Gallery, Borromeo Palace
Isola Bella

#terreborromeo #lakemaggiore #lagomaggiore #isolabella #palazzoborromeo #BorromeoExperience
“Di notte, anche il paesaggio riposa.”
(Fausto Gianfranceschi)
☀️🌙
E al mattino è ancora più bello! Goditi l’alba sull’Isola Madre, vai nelle stories e salva lo screen per il tuo telefono!
.
.
.
“At night, even the landscape rests.”
(Fausto Gianfranceschi)
☀️🌙
And in the morning it's even more beautiful! Enjoy the sunrise on Isola Madre, check the stories and save the screen for your phone!

#terreborromeo #lakemaggiore #lagomaggiore #BorromeoExperience  #isolamadre #beautifulview #lakeviews
Scatta la voglia di Natale!
🎄
Da oggi fino al 25 dicembre, scarta il tuo regalo online con il calendario dell’avvento firmato Terre Borromeo. Ti aspettano grandi sorprese!
.
.
.
The desire for Christmas has taken off!
🎄
From today until December 25th, unwrap your gift online with Terre Borromeo's advent calendar. Big surprises await you!

#terreborromeo #lakemaggiore #lagomaggiore #BorromeoExperience #calendariodell'avvento #christmasiscoming #natale2022
Prosegue l’opera di recupero dei Castelli di Cannero: il progetto, avviato nel 2019, trasformerà la fortezza lacustre in un museo moderno voluto dalla famiglia Borromeo per raccontare la storia della rovina. 

Vieni con noi per un tour esterno dei Castelli di Cannero 🤩
.
.
.
The recovering of the Castelli di Cannero continues: started in 2019, the project will transform the lakeside fortress into a modern museum wanted by the Borromeo family to tell the story of the ruin.
 
Come with us for an external tour of the Castelli di Cannero 🤩
.
#staytuned #TerreBorromeo #BorromeoExperience #LagoMaggiore #LakeMaggiore #Cannero #CastellidiCannero
Vi siete mai chiesti cosa succede quando le porte di Palazzo Borromeo sull’Isola Bella chiudono per il periodo invernale?
❄️
In questo video vi raccontiamo come avviene la manutenzione delle decorazioni lignee della Sala delle Medaglie.
🖌️
Queste “cascate d’intaglio” che impreziosiscono la Sala delle Medaglie assieme a lesene e decorazioni a stucco, furono realizzate in legno intagliato in parte dorato con foglia d’oro e in parte dipinto a tempera azzurra.
🖼️
Grazie alla pulitura della superficie e alla rimozione della polvere e dello sporco, si riesce a recuperare l’originaria luminosità dei colori.
.
.
.
Have you ever wondered what happens when the doors of Palazzo Borromeo on Isola Bella close for winter?
❄️
In this video we tell you how the maintenance of the wooden decorations of the Sala delle Medaglie takes place.
🖌️
These “cascades of carving” which embellish the Sala delle Medaglie together with pilasters and stucco decorations, were made of carved wood, partly gilded with gold leaf and partly painted in blue tempera.
🖼️
Thanks to the cleaning of the surface and the removal of dust and dirt, it is possible to recover the original brightness of the colours.

#terreborromeo #lakemaggiore #lagomaggiore #BorromeoExperience #isolabella #palazzoborromeo #restauri