Isole Borromee Isole Borromee
STORIA

LA STORIA VISITA
PALAZZO BORROMEO

Palazzo Borromeo sull’Isola Bella nacque come edificio per la villeggiatura della famiglia, ma anche come luogo di rappresentanza destinato a ospiti illustri.

I documenti di casa elencano con puntualità il passaggio di teste coronate e di principi: l’imperatore Leopoldo II d’Asburgo-Lorena nel 1791, i reali di Sardegna Carlo Felice e Maria Cristina nel 1828, la regina Vittoria d’Inghilterra nel 1879, il re e le regine d’Italia, i reali del Belgio, fino a Carlo e Diana nel 1984. Ma non mancarono le visite di letterati: Goethe, Stendhal, Dumas, Hemingway, e di artisti, il cavalier Tempesta ed Élisabeth Vigéè Le Brun e persino Wagner.

LA STORIA VISITA PALAZZO BORROMEO
Da in alto a sinistra l’imperatore Leopoldo II d’Asburgo-Lorena , Carlo e Diana nel 1984. Ernest Hemingway, Johann Wolfgang von Goethe

È nota la grande predilezione che il più famoso scrittore tedesco Johann Wolfgang von Goethe ebbe per le Isole Borromee. Tanto che sulle rive del Lago Maggiore stabilisce la patria di origine del suo Wilhelm Meister, scritto all’indomani del suo viaggio in Italia.

Stendhal, che qui scrisse La Certosa di Parma, amava ripetere: “se hai un cuore e una camicia, vendi la camicia e vai a vedere le rive del Lago Maggiore”

Ernest Hemingway, premio Nobel per la letteratura nel 1962, folgorato dallo splendore delle Isole Borromee, ambientò qui gli ultimi capitoli del suo romanzo “Addio alle armi”.
Il protagonista racconta proprio la traversata del lago Maggiore verso l’Isola Bella, considerata come la più incantevole delle Isole Borromee.

LA STORIA VISITA PALAZZO BORROMEO
LA STORIA VISITA PALAZZO BORROMEO

A sinistra, "A farewell to arms", The Hemingway Library Edition; a destra, il giovane Hemingway in uniforme, 1918

Remai verso l’Isola Bella e mi avvicinavo ai muraglioni, dove l’acqua diventava improvvisamente profonda e si vedeva il muro di roccia scendere obliquo nell’acqua, e poi risalii verso l’Isola dei Pescatori dove c’erano barche tirate in secco e uomini che rammendavano reti.

Tra gli episodi che hanno lasciato un segno indelebile nelle sale del palazzo Borromeo, la visita di Napoleone Bonaparte nel 1797 è forse uno dei momenti storici più intensi vissuti sull’Isola Bella. Durò solo due giorni, il 17 il 18 agosto 1797, ma creò nella tranquilla vita dell’isola un autentico scompiglio.

LA STORIA VISITA PALAZZO BORROMEO
Da in alto a sinistra in senso orario: scena della battaglia di Lodi, resa delle truppe austriache a Mantova, Napoleone alla battaglia di Rivoli e al Ponte di Arcole

Reduce dalla trionfale vittoria della campagna d’Italia il generale Bonaparte, sulla via del ritorno in patria, volle visitare le Isole Borromee. Piombò improvvisamente, senza alcun preavviso, giungendo in barca con ben 60 persone al seguito.

Di questa storica visita conosciamo ogni dettaglio perché conserviamo le lettere che l’amministratore del palazzo inviò al conte Giberto V Borromeo per tenerlo strettamente informato dell’insolita situazione creatasi sull’Isola Bella.

LA STORIA VISITA PALAZZO BORROMEO
LA STORIA VISITA PALAZZO BORROMEO

Come prima cosa fu necessario approntare l’alcova (tuttora esistente nella sala detta di Napoleone) per far passare la notte al generale e alla moglie Giuseppina Beauharnais, la quale “era molto più gentile del grande eroe”.

Poi fu allestito in fretta e furia un pranzo con 30 coperti nella Sala delle medaglie, mentre per il resto della comitiva si preparavano tavoli in giardino. A causa del vento di tramontana, però, tutti quanti si rifugiarono in casa pretendendo, scrisse l’amministratore, di “essere serviti al momento”.

Il giorno successivo Napoleone chiese di pranzare nell’appartamento delle grotte, per poi andare all’Isola Madre per ammirare i fagiani. Ma non resistette alla tentazione: fece sparare a uno di essi e se lo portò via come souvenir.

In serata il generale e il suo ingombrante seguito ripartirono in barca per Laveno e raggiunsero Milano il giorno dopo.

LA STORIA VISITA PALAZZO BORROMEO
LA STORIA VISITA PALAZZO BORROMEO

Il personale di casa rimase sbigottito per l’invadenza e la maleducazione degli ospiti che lasciarono le stanze “sporche e puzzolenti”.

“Ciò nonostante possiamo ringraziare Dio che il soggiorno sia stato breve altrimenti questa casa sarebbe diventata un vero quartiere di soldati”.

Napoleone non torno mai più sull’Isola Bella, mentre la moglie Giuseppina divenuta imperatrice dei francesi, ritornò nel luglio del 1806: per l’occasione le fu fatto un gran pranzo disposto su sette tavoli.

L’anno dopo nel 1807 fu la volta del figlio Eugenio viceré d’Italia, in onore del quale si misero in azione i giochi d’acqua del giardino. In quell’occasione però, sparirono dal palazzo candelieri d’argento e vari pezzi di prezioso tessuto di fiandra.

LA STORIA VISITA PALAZZO BORROMEO
Josephine Bonaparte and her son Eugène, Viceroy of Italy

Di questo eccezionale passaggio storico il palazzo conserva traccia non solo nella sala dell’alcova ora detta sala di Napoleone, dove è conservato il letto originale del quale riposarono Napoleone Bonaparte e Giuseppina, ma anche nella galleria dei quadri o dell’alcova che venne poi chiamata Galleria del generale Berthier, in ricordo del soggiorno sull’Isola a seguito di Napoleone e della consorte che dormì proprio nell’alcova annessa alla Galleria per tutto il mese d’agosto del 1797.

LA STORIA VISITA PALAZZO BORROMEO
LA STORIA VISITA PALAZZO BORROMEO
I nostri partner
Instagram Feed
🖼 #Berthier130
Nella piccola Adorazione dei Magi che fu di Giulia Arese, moglie di Renato II Borromeo, la cura che Giulio Cesare Procaccini mette nella regia e nella resa delle figure, concepite come microsculture preziose, ci ricorda che l’artista attorno al 1605, sebbene trentenne, è da poco approdato all’arte della pittura.
.
Nato a Bologna, figlio di Ercole Procaccini il Vecchio e fratello di Camillo e Carlo Antonio, tutti rinomati pittori, Giulio Cesare fu l’unico della famiglia a iniziare la carriera artistica come scultore.
.
Questa tavola della Galleria Berthier è uno dei migliori esempi delle sue sperimentazioni giovanili, dove la pittura veloce, impetuosa e improvvisa rilegge i maestri di area emiliana, primo fra tutti il Parmigianino.
.
Giulio Cesare Procaccini
Adorazione dei Magi
1605 circa
Galleria Berthier, Palazzo Borromeo
Isola Bella
.
.
.
🖼 #Berthier130
In the little Adoration of the Magi by Giulia Arese, wife of Renato II Borromeo, the care that Giulio Cesare Procaccini puts into directing and rendering figures, conceived as precious microsculptures, reminds us that the artist, in around 1605, although thirty years old, had recently arrived in the art of painting.
.
Born in Bologna, son of Ercole Procaccini the Elder and brother of Camillo and Carlo Antonio, all renowned painters, Giulio Cesare was the only one in the family to begin his artistic career as a sculptor.
.
This panel from Galleria Berthier is one of the best examples of his early experiments, where fast, impetuous and sudden painting reinterprets the masters of the Emilian area, starting with Parmigianino.
.
Giulio Cesare Procaccini
Adoration of the Magi
Around 1605
Galleria Berthier, Palazzo Borromeo
Isola Bella

#terreborromeo #lakemaggiore #lagomaggiore #isolabella #palazzoborromeo #artlovers #berthier130 #galleriaberthier #paintings
Dalla magica cornice del Lago Maggiore alla fiabesca atmosfera di uno storico castello, le Isole Borromee e la Rocca di Angera tra le “Meraviglie” di @albertoangelarai1
✨
Un viaggio alla scoperta di tradizioni secolari, bellezze artistiche e paesaggi mozzafiato che rendono unico il nostro bel Paese.
🌍
Appuntamento martedì 4 gennaio 2022 alle 21:25 su @rai1official per tornare a viaggiare tra le #Meraviglie d'Italia.
.
.
.
From the magical setting of Lake Maggiore to the fairytale atmosphere of the historic castle, Isole Borromee and Rocca di Angera among Alberto Angela's “Wonders”.
✨
A journey to discover centuries-old traditions, artistic beauties and breathtaking landscapes.
🌍
Save the date! January 4th at 9.25pm on RaiUno to return to travel among the #Meraviglie of Italy.

#terreborromeo #lakemaggiore #lagomaggiore #isolabella #isolamadre #roccadiangera #MeraviglieLaPenisolaDeiTesori #AlbertoAngela #Italy #Travel
Pronunciate il nome Viburnum. Quale sensazione vi lascia?
🌿
Se vi sembra risuonare fortemente tra le labbra, come qualcosa dal carattere molto forte, è perché avete intuito la caratteristica dei suoi rami: la tenacia.
🏹
Gli antichi arcieri avevano scelto proprio il legno di Viburnum lantana per realizzare frecce leggere e dalla dirittura molto precisa. I rami del Viburnum opulus, invece, venivano usati come scudisci per cavalli.
❄️
Noi abbiamo scelto il Viburno per dare un tocco di magia ai viali dell’Isola Bella in inverno. Quando sbocciano sembrano batuffoli di neve profumatissima.
.
.
.
Say the name Viburnum. What feeling does it evoke?
🌿
If it seems to resonate powerfully between your lips, like something with a very strong character, it is because you have embodied the essential characteristic of its branches: tenacity.
🏹
Ancient archers chose the wood of Viburnum lantana to make light arrows with a very precise straightness. The branches of the Viburnum opulus, on the other hand, were used as shields for horses.
❄️
We have chosen the Viburnum to give a touch of magic to the paths of Isola Bella during the winter. When they bloom, they are like balls of fragrant snow.

#terreborromeo #lakemaggiore #lagomaggiore #isolabella #viburno #viburnum