Isole Borromee Isole Borromee
NATURA

L’APPARTAMENTO DELLE GROTTE

A Palazzo Borromeo sull’Isola Bella c’è una rampa di scala moderna che scende al piano inferiore, all’altezza del lago, e conduce a un’affascinante sequenza di sei “capricciose” stanze, a imitazione di grotte naturali, ideate e immaginate da Vitaliano VI Borromeo.

L’idea

L’ambiziosa idea dell’appartamento a «grottesco» fu concepita dal conte Vitaliano VI Borromeo fin dal 1662 quando, in una lettera al fratello Giberto III, vagheggiava l’idea di «stanze per l’estate con apparenza di grotte, come ho visto disegnato nel palazzo della Favorita del signor duca di Mantova».
Grazie alla posizione quasi a pelo d’acqua, con le finestre che si affacciavano direttamente sul lago, invitava a godere del panorama e della brezza dei venti più freschi.

L’APPARTAMENTO DELLE GROTTE
Le grotte di Palazzo Tè a Mantova

Questo progetto probabilmente guardava anche ad altri due esempi lombardi: le grotte dei Visconti Borromeo a Lainate e a quelle di Bartolomeo Arese a Cesano Maderno. 

Le grotte di Palazzo Visconti Borromeo a Lainate

Il progetto

Solo nel 1689 il progetto fu affidato a Filippo Cagnola, architetto fiorentino, che gli stessi Borromeo avevano inviato a Roma a studiare presso Carlo Fontana.

L’APPARTAMENTO DELLE GROTTE
L’APPARTAMENTO DELLE GROTTE

Disegni di Filippo Cagnola

Le sei stanze al pianterreno, accessibili direttamente dal giardino, sono interamente rivestite di sassi, tufo, lava, residui di carbone, «pietre lustre» (marmi), frammenti di mica, tritume di marmo di Candoglia. Il tutto è arricchito da ornamenti a stucco sul tema delle acque: conchiglie, ninfe, sirene, delfini, pesci e tartarughe. I pavimenti sono rivestiti di ciottoli di lago di fiume bianchi rossi e neri, con i quali sono disegnate le imprese araldiche dei Borromeo.
Morto Vitaliano, i lavori subirono una battuta d’arresto e ripresero solo nel 1758, sotto la supervisione dell’architetto Giulio Gallori.

L’APPARTAMENTO DELLE GROTTE

L’APPARTAMENTO DELLE GROTTE

L’APPARTAMENTO DELLE GROTTE

La prima grotta

La «stanza dei quattro pilastri» fu la prima, e probabilmente l’unica, a essere completata nella volta e nelle pareti secondo il disegno di Cagnola, e che suscitò subito grande ammirazione. Il 16 ottobre 1689 Carlo IV Borromeo Arese, nipote di Vitaliano, scriveva:

“Vostra signoria si compiaccia come della più bella cosa dell’Isola”.

L’APPARTAMENTO DELLE GROTTE

La seconda grotta

La seconda grotta allude prevalentemente al tema delle conchiglie. È presente anche un’opera di scultura neoclassica: il busto marmoreo di un condottiero realizzato da Giovan Battista Monti. La teca contiene un gruppo di conchiglie e di alghe fossili disposte in modo da raffigurare una misteriosa natura morta.

L’APPARTAMENTO DELLE GROTTE

La terza grotta

La terza grotta presenta invece tonalità rosse-bianche di frammenti marmorei.

Al centro, spicca la delicata e seducente statua della Venere addormentata di Giovan Battista Monti. La morbida scultura, in grandezza naturale, creò qualche imbarazzo a Gilberto V Borromeo, poiché un visitatore aveva protestato per l’eccessivo realismo della statua, portando il principe a un soffio dalla decisione di vendere la “scandalosa” statua.

Fortunatamente la bellissima scultura è rimasta al suo posto e può essere considerato a pieno titolo il capolavoro assoluto di Giovan Battista Monti, uno dei massimi protagonisti del neoclassicismo.

L’APPARTAMENTO DELLE GROTTE
L’APPARTAMENTO DELLE GROTTE

La quarta grotta

La quarta grotta è decorata con motivi di conchiglie, api e delfini, e presenta una scultura di Flora, la divinità della primavera e dell’abbondanza. Anche in questo ambiente troviamo teche che contengono composizioni di alghe e coralli, mentre al centro è esposto un modellino del Bucintoro, l’imbarcazione di gala del doge di Venezia, realizzato all’inizio del XIX secolo come memoria della nave originale, sciaguratamente bruciata durante l’occupazione napoleonica della Serenissima.

La quinta grotta

La quinta grotta è la più ampia dell’appartamento estivo. È sostenuta da quattro pilastri e come le altre sale è decorata con incrostazioni lapidee, lastre di marmo nero, stucchi in forma di conchiglie, tartarughe, divinità marine e buffi mascheroni.
Venne portata a termine nel 1690 e nel 1772 furono impiantati i giochi d’acqua, ad opera di Carlo Croce, architetto e ingegnere idraulico, per «mettere in opera le nuove fontane nel mosaico», destinate a stupire gli ospiti dell’Isola, oggi non più in funzione.

L’APPARTAMENTO DELLE GROTTE

La sesta grotta

La sesta e ultima grotta, decorata con una fontana del 1772, ospita una spettacolare serie di selle, bardature, gualdrappe e finimenti per cavalli decorati con gli stemmi dei Borromeo, dei Barberini e degli Odescalchi, utilizzati dalla famiglia Borromeo in occasione di solenni cavalcate.

L’APPARTAMENTO DELLE GROTTE
L’APPARTAMENTO DELLE GROTTE

Da quest’ultima grotta, attraverso un passaggio di disimpegno impreziosito da una statua indiana dell’XI secolo rappresentante la dea delle acque, si raggiunge la scala elica realizzata nel Seicento per collegare i vari piani del palazzo a fianco del salone.

Lasciata grezza, con i gradini in granito direttamente fissati alla parete come fossero mensoloni, è un piccolo capolavoro di ingegneria.

L’APPARTAMENTO DELLE GROTTE
L’APPARTAMENTO DELLE GROTTE

La suggestione di questi luoghi, che avrebbe fatto esclamare all’abate Jerome Richard nel 1766

paiono quelle isole incantate di Alcina o Calipso, o di quelle Fate le cui seduzioni erano così potenti

aveva coinvolto anche Giberto III, il quale donava al fratello Vitaliano conchiglie, che lui non esitò a definire

molto più belle e più pretiose di quelle del mare

L’APPARTAMENTO DELLE GROTTE

La varietà bizzarra dei materiali, il capriccio fantasioso delle decorazioni, il gioco barocco tra natura e artificio producono un senso di meraviglia che si rinnova in ogni occasione di visita, e non solo per il piacevole sollievo offerto dalla frescura durante l’estate.

I nostri partner
Instagram Feed
Da venerdì 16 a domenica 18 settembre, la città di Angera promuove "Il
Raduno Internazionale Mongolfiere"!
✨
Nove palloni voleranno sopra Terre Borromeo.
La manifestazione ha lo scopo benefico di raccogliere fondi per due associazioni del territorio: la Fondazione Renato Piatti Onlus e l'Associazione Genitori Bambini Down.
🔭
Dalla Rocca di Angera lo spettacolo sarà magico!
Sei pronto a volare? Link in bio.
Foto ©️Città di Angera - Foto di Luciano Manconi
.
.
.
From Friday 16th to Sunday 18th September, the city of Angera promotes "The
International Hot Air Balloon Meeting "!
✨
Nine balloons will fly over Terre Borromeo.
The event has the charitable purpose of raising funds for two associations in the area: the Renato Piatti Onlus Foundation and the Down-Parents' Association.
🔭
From the Rocca di Angera the show will be magical!
Are you ready to fly? Link in bio.
Photo © City of Angera - Photo by Luciano Manconi

#terreborromeo #lakemaggiore #lagomaggiore #roccadiangera #BorromeoExperience #mongolfiere
Passione per il bello e innovazione culturale, quest'anno iniziamo così!
📚
Terre Borromeo organizza programmi didattici per le scuole di ogni ordine e grado nei suoi siti culturali e naturalistici, sul Lago Maggiore. Ogni attività è personalizzata, ideata per condividere esperienze, imparando.
🔔
Buon ritorno a scuola!
Link in bio.
.
.
.
Passion for beauty and cultural innovation, this is how we start this year!
📚
Terre Borromeo organizes educational programs for schools of all levels in its cultural and naturalistic sites on Lake Maggiore. Each activity is personalized, designed to share experiences, learning.
🔔
Happy back to school!
Link in bio.

#terreborromeo #lakemaggiore #lagomaggiore #isolamadre #isolabella #roccadiangera #BorromeoExperience #backtoschool
Accidenti, non era camomilla!
🌼
Non farti ingannare dall’Anthemis Arvensis, la pianta che si fa conoscere come falsa camomilla. I fiori hanno tutto l’aspetto di una margherita, ma con qualche differenza.
🌱
Lasciati guidare dagli occhi esperti dei nostri giardinieri per riconoscerle ed… evitare brutte sorprese. Guarda nelle stories!
.
.
.
Damn, it wasn't chamomile!
🌼
Don't be fooled by Anthemis Arvensis, the plant that makes itself known as false chamomile. The flowers have all the appearance of a daisy, but with some differences.
🌱
Let yourself be guided by the expert eyes of our gardeners to recognize them and… avoid nasty surprises. Look in the stories!

#terreborromeo #lakemaggiore #lagomaggiore #BorromeoExperience #roccadiangera #falsacamomilla