Isole Borromee Isole Borromee
STORIA

LE DONNE PITTRICI
DELL’ISOLA BELLA

Gilbert Burnet, un pastore anglicano che visitò l’Italia con un occhio molto critico nei confronti della censura ecclesiastica e delle forme di governo assolutista di molti Stati italiani, fu uno dei primi viaggiatori a passare dall’Isola Bella nel 1686. Burnet, entusiasta per aver visitato quel luogo, mentre il cantiere era ancora aperto, intuisce la meraviglia del sito e si sbilancia anche in merito alla qualità e al numero dei dipinti esposti nelle sale del palazzo:

Here is a great collection of noble pictures, beyond any thing I saw out of Rome.

LE DONNE PITTRICI DELL’ISOLA BELLA

Un giudizio così lusinghiero non poteva che dar ragione ai criteri con i quali Vitaliano VI Borromeo aveva cominciato a montare la propria raccolta di quadri, tappezzando la casa di dipinti, di grande formato e per lo più di autori moderni.
Intorno al 30 giugno 1666 lo scenario si andava definendo in modo più chiaro come Vitaliano VI scriveva al fratello:

 

Ho fatto disporre i scritti, i quadri e altri ornamenti. Viene la casa singolarmente ornata e posso dire a V.E. che sono colà intorno trecento quadri e la maggior parte buoni e con cornici intagliate e poste a oro e turchinetto.

LE DONNE PITTRICI DELL’ISOLA BELLA
LE DONNE PITTRICI DELL’ISOLA BELLA
LE DONNE PITTRICI DELL’ISOLA BELLA
LE DONNE PITTRICI DELL’ISOLA BELLA

Da sinistra: la Sala delle Medaglie, la Sala della Regina e la Sala del Trono, Palazzo Borromeo, Isola Bella

Si cominciavano così a delineare gli interni dell’Isola Bella come li conosciamo oggi, pensando soprattutto alle sale che hanno mantenuto l’aspetto originario come la Sala delle medaglie, la Sala del trono e della Regina e dove le cornici raccordate da lacci dipinte in oro in azzurro contano quasi quanto i quadri in esse contenute.

 

La galleria dei quadri, che si andava perfezionando in ogni dettaglio a ridosso della morte di Vitaliano VI, è un lungo ambiente di 15 × 5,85 m, con volta a botte decorata a cassettoni e testata crociera.

Le pareti sulle quali si imposta la volta impreziosita da un cornicione in stucco realizzato da maestranze lombarde accolgono fin dalla fine del Seicento una fitta compagine di dipinti destinati a occupare ogni minimo spazio della superficie.
Letteralmente tappezzata da un mosaico di quadri con cornice intagliata e dorata.

La Galleria Berthier, Palazzo Borromeo, Isola Bella

La galleria è una tipologia architettonica molto diffusa in Europa tra ‘500 e ‘600, riveste una funzione di prestigio sociale ed è tradizionalmente destinata
alla raccolta di quadri, sculture e oggetti d’arte.
Conosciamo esempi illustri di questi ambienti dalla pianta sviluppata longitudinalmente in altre zone del Paese, ma la galleria Borromeo dell’Isola Bella costituisce l’unica traccia superstite intatta dell’antica fortuna di questa tipologia architettonica in Lombardia.

LE DONNE PITTRICI DELL’ISOLA BELLA
Palazzo Borromeo, Isola Bella

Precedentemente indicata come galleria dei quadri vecchi e poi galleria dell’alcova venne detta anche Galleria del generale Berthier a partire dalla fine dell’Ottocento, in ricordo del soggiorno all’Isola, a seguito di Napoleone e della moglie Josephine, del generale francese Louis- Alexandre Berthier (1753-1815), il quale dormi nell’alcova della galleria nell’agosto 1797.

LE DONNE PITTRICI DELL’ISOLA BELLA
Il generale francese Louis- Alexandre Berthier (1753-1815), Napoleone Bonaparte (1769-1821)

Tra i quadri esposti sono presenti anche tre opere di donne pittrici con storie a dir poco avvincenti.

 

Ma come faceva una donna ad accedere a questa carriera?
Soltanto quelle nate in famiglie nobili ricevevano un’educazione che potesse contemplare anche quella dell’arte. Un’altra possibilità di avvicinarsi alla pittura era offerta dalle figlie d’arte che ereditavano il mestiere dal padre o dai fratelli. Una possibilità era concessa infine alle monache che, all’interno dei conventi, potevano dedicarsi alla miniatura e alle arti decorative trasformando la loro attività in una professione vera e propria.

 

Alcune raggiunsero un grado di riconoscibilità nella società del tempo di assoluto prestigio, è il caso di Elisabetta Sirani che nel 1660 venne eletta professore a pieno titolo dell’Accademia d’arte di San Luca a Roma e divenne “capomastra” nella bottega del padre quando quest’ultimo a causa della gotta dovette ritirarsi dall’attività, eclissandolo di fatto per qualità, maestria e popolarità.

LE DONNE PITTRICI DELL’ISOLA BELLA
Elisabetta Sirani (1638 – 1665)
LE DONNE PITTRICI DELL’ISOLA BELLA
La Galleria Berthier, Palazzo Borromeo, Isola Bella

Anche Fede Galizia, cremonese di nascita, trentina d’adozione, si ritagliò una certa fama, basti pensare che la sua pittura fu molto apprezzata oltre che dall’elite milanese, città dove visse dal 1587, anche alla corte praghese di Rodolfo II. Conosciuta soprattutto per le nature morte, Fede Galizia fu in realtà una artista a 360 gradi, poliedrica e molto dotata che si cimentò anche nel dipingere le pale d’Altare, cosa molto rara per una donna.

LE DONNE PITTRICI DELL’ISOLA BELLA
Fede Galizia(?)
Documentata a Milano dal 1587 al 21 Giugno 1630
"Santa Caterina con due Angeli" (Dal Parmigianino)
1600 circa
Tela 28 x21,5

Ed infine Francesca Volò Smiller detta Vicenzina in omaggio al padre, figlia di Vincenzo Volò, detto Vincenzino dei Fiori (1601-1671). Francesca fu insuperabile nella pittura di nature morte con trofei di frutti e fiori dove spiccano narcisi, anemoni, tulipani e gelsomini dipinti con tale dovizia che quasi sembra di sentirne il profumo.

LE DONNE PITTRICI DELL’ISOLA BELLA
LE DONNE PITTRICI DELL’ISOLA BELLA
LE DONNE PITTRICI DELL’ISOLA BELLA
LE DONNE PITTRICI DELL’ISOLA BELLA

Francesca Volò Smiller detta Vicenzina, da sinistra a destra: Natura morta con racemi di fiori d’arancio, pesche e uva, circa 1680;
Natura morta con fiori recisi, circa 1680; Natura morta con gelsomini e uva, circa 1680; Natura morta con fiori recisi e pesche, circa 1680

LE DONNE PITTRICI DELL’ISOLA BELLA
Francesca Volò Smiller, la Vicenzina, Milano 1657 circa - 1700, Fiori raccolti in mazzi e legati da nastri, marmo nero
I nostri partner
Instagram Feed
Sentite già il rombo dei motori?
Sono le Rolls Royce che stanno raggiungendo la Rocca di Angera.
🚙
A partire dalle 15.00, oggi pomeriggio una lunga coda d’auto d’epoca farà visita al castello per rimanere fino alle ore 18.00. 
Le 41 auto che faranno tappa alle Terre Borromeo fanno parte del Club inglese RREC (Rolls Royce Enthustiasts Club).
✨
Prenotate i biglietti di ingresso in anticipo al link in bio per non perdervi lo spettacolo!
.
.
.
Can you already hear the roar of the engines?
They are the Rolls Royces that are reaching the Rocca di Angera.
🚙
Starting at 3.00pm this afternoon, a long queue of vintage cars will visit the castle and stay until 6.00pm.
The 41 cars that will stop at Terre Borromeo are part of the English RREC Club (Rolls Royce Enthustiasts Club).
✨
Book your tickets in advance at the link in our bio to make sure you don’t miss the show!

#terreborromeo #lagomaggiore #lakemaggiore #roccadiangera #rollsroyce #raduno #autodepoca #cars #BorromeoExperience