Isole Borromee Isole Borromee
STORIA

LE ORIGINI
DELLA FAMIGLIA
BORROMEO

La famiglia Borromeo, oggi presieduta dal principe Vitaliano XI Borromeo e dalla moglie Marina, ha una storia antichissima che sfuma nella leggenda.

Narrano vaghe cronache che un certo Lazzaro – il primo presunto esponente della casata – si recò a Roma nel 1300 per compiere il pellegrinaggio dell’Anno Santo.
Al suo ritorno gli venne assegnato il nome di “Bon Romeo” – ovvero “buon pellegrino che è stato a Roma” – e da questo soprannome sarebbe derivato il cognome della famiglia.

LE ORIGINI DELLA FAMIGLIA BORROMEO
Il borgo di San Miniato

La storia ci dice invece che la famiglia Borromeo provenisse dal borgo di San Miniato al Tedesco, che abbandonarono nel 1370, a seguito della rivolta contro la città di Firenze.

La famiglia fu costretta a disperdersi in molte città italiane come Milano, Padova, Venezia, Pisa e Genova, dividendosi in numerosi rami.
I fratelli Andrea, Borromeo, Alessandro, Giovanni e Margherita raggiunsero Padova dove quest’ultima si unì in matrimonio con il potente Giacomo Vitaliani.
Borromeo Borromei fu il primo a trasferirsi a Milano.
Negli anni Trenta del Quattrocento le fortune della famiglia continuarono a crescere.

Nel 1439 Vitaliano I ottenne l’investitura di Arona e acquisì vaste proprietà attorno al Lago Maggiore (tra cui la Rocca di Angera), gettando le basi di quello che sarebbe diventato un feudo vastissimo, chiamato “stato Borromeo”.

LE ORIGINI DELLA FAMIGLIA BORROMEO
Da sinistra: lo stemma della famiglia Vitaliani, Gian Galeazzo Visconti, lo stemma della famiglia Visconti

Diede anche grande impulso all’attività mercantile e bancaria della famiglia e occupò nella prima metà del 400 cariche di rilievo presso la corte milanese dei Visconti.

Fu tesoriere generale del Ducato, fornitore dell’esercito, concessionario esclusivo del trasporto del sale da Genova a Milano e sostenne economicamente il duca Filippo Maria Visconti ottenendo in cambio terre e privilegi.

In quegli anni vennero aperte anche le filiali bancarie di Londra, Bruges e Barcellona.

LE ORIGINI DELLA FAMIGLIA BORROMEO
LE ORIGINI DELLA FAMIGLIA BORROMEO

A sinistra, salvacondotto concesso a Giovanni I e Vitaliano Borromeo,
con un seguito di persone armate, per raggiungere Venezia
da parte del duca Filippo Maria Visconti (1418) – ABIB, Cassettiere, P107

Tutti i suoi figli si unirono in matrimonio con esponenti di primo piano delle maggiori casate nobiliari milanesi, portando a compimento la piena integrazione della famiglia nella società politica lombarda del tempo.

A questi importanti legami di parentela è ispirata ad esempio la spettacolare decorazione dello scalone di rappresentanza, caratterizzato da grandi stemmi araldici, appartenenti a grandi famiglie europee come gli Asburgo, i Medici di Marignano, i Farnese, modellati nello stucco dallo scultore Francesco Maino a partire dal 1680.

A Vitaliano I si deve inoltre la costruzione e l’ampliamento del palazzo milanese, come documentano anche i registri di conto di quegli anni conservati presso l’Archivio Borromeo dell’Isola Bella.

Per singolari vicende storiche, l’arca di Vitaliano I Borromeo si trova oggi nell’abside della Cappella Palatina, la chiesa privata della famiglia Borromeo annessa al palazzo dell’Isola Bella.

LE ORIGINI DELLA FAMIGLIA BORROMEO

Diplomatici e prudenti, i Borromeo diventarono tra il XVI e il XVII secolo una delle famiglie più importanti del ducato milanese grazie soprattutto alle figure eminenti dei due arcivescovi di Milano Carlo e Federico Borromeo.

LE ORIGINI DELLA FAMIGLIA BORROMEO
LE ORIGINI DELLA FAMIGLIA BORROMEO

Da sinistra, Ritratto di San Carlo Borromeo, Giovanni Ambrogio Figino, c. 1600 (Pinacoteca Ambrosiana, Milano);
Ritratto del Cardinale Federico Borromeo, Giulio Cesare Procaccini, 1610 (Museo Diocesano, Milano)

Carlo Borromeo (1538-1584), nipote di Papa Pio IV Medici, ordinato sacerdote e consacrato vescovo, si trasferì a Milano nel 1564.
Rinunciando a molti privilegi e alienando parte dei beni di famiglia, si prodigò per i poveri della diocesi e difese con fermezza le riforme del concilio di Trento. Fu proclamato santo nel 1610.

Il cugino di san Carlo, l’arcivescovo Federico Borromeo (1564-1631), immortalato da Manzoni nei Promessi Sposi, lasciò a Milano un’importantissima eredità culturale: la Biblioteca e Pinacoteca Ambrosiana, aperte nel 1609 e ancora funzionanti.

Il fratello maggiore del Cardinale Federico Borromeo si chiamava Renato I (1555-1608). Nel 1583 recuperò il possesso delle isole sul Lago Maggiore.

Sulla più grande di queste isole – da lui battezzata Isola Renata – il nobile fece costruire un palazzo con giardini terrazzati.
Nel Settecento l’Isola cambiò nome in Isola Madre, per ricordare forse il fatto di essere stata la prima isola dell’arcipelago abitata dai Borromeo.

Uno dei figli cadetti di Renato I, Carlo III Borromeo (1586-1652), ottenne in dote, l’Isola Inferiore.
Su quest’isola, allora poco più di uno scoglio affiorante dal lago, con una chiesetta, qualche orto e casupola di pescatori – Carlo III progettò attorno al 1630 un giardino barocco a terrazze, facendolo disegnare dall’architetto Giovanni Angelo Crivelli.

Diede il nome all’isola che chiamò Bella in onore della moglie Isabella d’Adda.

Vitaliano VI Borromeo, uomo colto e curioso, nel 1650 assunse la direzione dei lavori dell’Isola Bella e, guardando a Roma con uno spirito di grande indipendenza e autonomia di scelte, prese in mano il progetto, iniziato dal padre Carlo III, di creare sull’Isola Bella un giardino.
Vitaliano trasformò questa idea in una grandiosa scenografia barocca aggiungendovi un maestoso palazzo.

LE ORIGINI DELLA FAMIGLIA BORROMEO
Vitaliano VI Borromeo

L’Isola Bella assunse così la sua forma definitiva.

Solidamente impiantata nel territorio e capace di mantenere e accrescere il suo prestigio nel corso dei secoli, la famiglia Borromeo ha consegnato alla storia illustri personalità e un patrimonio artistico e documentario di rilevanza internazionale.

LE ORIGINI DELLA FAMIGLIA BORROMEO
I nostri partner
Instagram Feed
Da venerdì 16 a domenica 18 settembre, la città di Angera promuove "Il
Raduno Internazionale Mongolfiere"!
✨
Nove palloni voleranno sopra Terre Borromeo.
La manifestazione ha lo scopo benefico di raccogliere fondi per due associazioni del territorio: la Fondazione Renato Piatti Onlus e l'Associazione Genitori Bambini Down.
🔭
Dalla Rocca di Angera lo spettacolo sarà magico!
Sei pronto a volare? Link in bio.
Foto ©️Città di Angera - Foto di Luciano Manconi
.
.
.
From Friday 16th to Sunday 18th September, the city of Angera promotes "The
International Hot Air Balloon Meeting "!
✨
Nine balloons will fly over Terre Borromeo.
The event has the charitable purpose of raising funds for two associations in the area: the Renato Piatti Onlus Foundation and the Down-Parents' Association.
🔭
From the Rocca di Angera the show will be magical!
Are you ready to fly? Link in bio.
Photo © City of Angera - Photo by Luciano Manconi

#terreborromeo #lakemaggiore #lagomaggiore #roccadiangera #BorromeoExperience #mongolfiere
Passione per il bello e innovazione culturale, quest'anno iniziamo così!
📚
Terre Borromeo organizza programmi didattici per le scuole di ogni ordine e grado nei suoi siti culturali e naturalistici, sul Lago Maggiore. Ogni attività è personalizzata, ideata per condividere esperienze, imparando.
🔔
Buon ritorno a scuola!
Link in bio.
.
.
.
Passion for beauty and cultural innovation, this is how we start this year!
📚
Terre Borromeo organizes educational programs for schools of all levels in its cultural and naturalistic sites on Lake Maggiore. Each activity is personalized, designed to share experiences, learning.
🔔
Happy back to school!
Link in bio.

#terreborromeo #lakemaggiore #lagomaggiore #isolamadre #isolabella #roccadiangera #BorromeoExperience #backtoschool
Accidenti, non era camomilla!
🌼
Non farti ingannare dall’Anthemis Arvensis, la pianta che si fa conoscere come falsa camomilla. I fiori hanno tutto l’aspetto di una margherita, ma con qualche differenza.
🌱
Lasciati guidare dagli occhi esperti dei nostri giardinieri per riconoscerle ed… evitare brutte sorprese. Guarda nelle stories!
.
.
.
Damn, it wasn't chamomile!
🌼
Don't be fooled by Anthemis Arvensis, the plant that makes itself known as false chamomile. The flowers have all the appearance of a daisy, but with some differences.
🌱
Let yourself be guided by the expert eyes of our gardeners to recognize them and… avoid nasty surprises. Look in the stories!

#terreborromeo #lakemaggiore #lagomaggiore #BorromeoExperience #roccadiangera #falsacamomilla